Navigation Menu

Attrezzatura consigliata per Astrofotografia

Attrezzatura consigliata per Astrofotografia: tutto quello che vi serve per approcciare questo genere di fotografia.

Non sono qui a voler fare recensione di prodotti, marche e modelli, quindi mi limitero´ in alcuni casi ad indicare cio´ che utilizzo personalmente (come consiglio personale) ma ovviamente ognuno e´libero di utilizzare
cio´che preferisce.

Attrezzatura consigliata:

Corpo macchina

Per le ragioni indicate nella sezione “Dimensioni del sensore” e´caldamente consigliato l´utilizzo di una macchina con sensore FullFrame con
un´ottima gamma dinamica e capacita´di gestire il rumore di fondo (ad oggi i migliori sensori vengono prodotti da Sony; questo e´un dato oggettivo supportato da dati tecnici, non un parere personale).
Attualmente utilizzo la Sony A7RIII.

Obbiettivi

Dovendo fotografare soggetti che sono molto distanti dal punto di ripresa,
e´ovvio pensare di dover utilizzare dei teleobbiettivi.
Possiamo avere due possibilita´(rimanendo nell´ambito di ottiche fotografiche):

  1. Ottiche zoom 100-400 mm
  2. Ottiche zoom 70-200 mm abbinate ad un teleconverter 2x

Inutile dire che bisogna avere un´ottica luminosa f2.8 o f4 (soprattutto nel secondo caso e´obbligatorio un´ottica f2.8 perche´l´utilizzo del teleconverter 2x comporta la perdita di 2 STOP, rendendo di fatto l´ottica un f5.6).
Attualmente utilizzo il Sony FE 70-200 f2.8 abbinato al teleconverter 2x

Ovviamente per fotografare corpi celesti come galassie e pianeti (o per nebulose con risultati migliori) si deve ricorrere all´utilizzo di un telescopio abbinato alla macchina fotografica (potete approfondire l´argomento quiqui)

Cavalletto

L´utilizzo di un cavalletto robusto e stabile e´un MUST per 2 motivi principali:

  1. Deve reggere uno star tracker 
  2. L´astrofotografia richiede la realizzazione di scatti multipli che poi devono essere fusi insieme (Stacking) tramite l´utilizzo di un software apposito (Deep Sky Stacker) (vedi Workflow: Stacking e Photoshop); per cui e´necessario che il punto di ripresa sia sempre identico durante l ´intera sessione fotografica.

In commercio se ne trovano di diversi modelli e prezzi; personalmente utilizzo il Manfrotto MT055XPRO3 055

Star Tracker

Ed ecco uno delle componenti chiave per Attrezzatura consigliata per Astrofotografia: Star Tracker

A causa della rotazione terrestre, le stelle non sono ferme, ma sembrano compiere un´orbita circolare attorno all´asse di rotazione della terra; per questo motivo risulta impossibile fotografare le stelle “ferme” con un unico scatto a lunga esposizione.
Uno Star Tracker risolve questo problema; in pratica si tratta di una testa motorizzata su cui viene montata la fotocamera e, dopo opportuna calibrazione, questa fa ruotare la fotocamera con la stessa velocita´di rotazione terreste, ma in senso opposto, in modo da poter fotografare le stelle con lunghe esposizioni evitando la formazione delle inevitabili strisce.

Personalmente utilizzo lo Sky-Watcher Star Adventure, ma ci sono molte altre possibilita´. 

Intervallometro

Come accennato in precedenza, la per la realizzazione della foto finale,
e´necessario scattare numerose foto che poi devono essere unite attraverso software dedicato.
Se la vostra fotocamera non ha questa funzione integrata, dovrete ricorrere ad un intervallometro esterno che, impostando la fotocamera in
modalita´”BULB” , vi permette di definire il tempo di esposizione,
l´intervallo tra una foto e la successiva e il numero di scatti totali da realizzare (Questo accessorio viene anche utilizzato per la realizzazione di Time-Lapse e Stra trail).
Inoltre presenta il vantaggio di poter scattare senza toccare la fotocamera, evitando quindi il “mosso”.
Ne esistono di diversi modelli e prezzi: possono essere a cavo oppure wireless da utilizzare tramite app per smartphone/tablet dedicata.
Personalmente utilizzo il MIOPS smart, ma ne esistono molti altri.

 

In funzione di dove vi trovate a realizzare le vostre foto e delle condizioni meteo, due accessori risultano essere molto utili:

Dew-Remover (Anticondensa)

A seconda delle condizioni meteo in cui vi trovate, e´possibile che, dopo un po´di tempo durante la sessione fotografica, sulla lente si formi della condensa (condizioni di umidita´elevata) e che questa ghiacci (se le temperature sono fredde) rendendo quindi impossibile ottenere delle foto nitide (se non del tutto buie).
Il Dew-Remover non e´altro che una fascia riscaldante (munita di velcro da fissare intorno all´obbiettivo e da alimentare normalmente con powerbank) che serve a riscaldare l´obbiettivo impedendo la formazione di condensa e ghiaccio.
Sul mercato se ne trovano a prezzi decisamente abbordabili.

Filtro Natural Night

In funzione della zona in cui vi trovate a realizzare le vostre fotografie, potrete avere condizioni di inquinamento luminoso piu´o meno accentuate (e salvo che non vi troviate in zone remote e sperdute, questa sara´una situazione con cui avrete sempre a che fare).

Per risolvere (almeno parzialmente) il problema si puo´ricorrere
all´utilizzo di filtri appositi (da applicare alla lente dell´obbiettivo); questi filtri tagliano le frequenze d´onda delle luci artificiali rendendo i colori della fotografia piu´belli.

Sul mercato esistono diversi produttori; personalmente utilizzo il NISI Natural Night.

Powerbank

Ultimo accessorio Attrezzatura consigliata per Astrofotografia
e´sicuramente il Powerbank.
Dovendo alimentare la macchina fotografica per una lunga sessione fotografica , e gli altri accessori (Star tracker, e Dew-remover)  l´utilizzo di un Powerbank risulta indispensabile.
Consiglio un Powerbank di almeno 26800 mAh che possa alimentare contemporaneamente almeno 3 porte USB

Torna al menu´principale

Pin It on Pinterest

Share This