Navigation Menu

Il triangolo di esposizione

Il triangolo di esposizione: come combinare i tre parametri per ottenere la foto desiderata

Nei capitoli precedenti abbiamo analizzato nello specifico i tre parametri che vanno ad influire la realizzazione dello scatto.
Ora vediamo come questi lavorano insieme per ottenere la foto desiderata.

Prima di analizzare in dettaglio Il triangolo di esposizione, dobbiamo avere chiaro un´altro concetto fondamentale e cioe´ l´Istogramma.

Il triangolo di esposizione

Indice

  • Istogramma, Toni e Luminosita´
  • Metering
  • Modalita´automatica, Manuale e Priorita´di Apertura (A) 

Istogramma, Toni e Luminosita´

Ci sono tre tipi differenti di Istogramma:

  1. Istogramma RGB
  2. Istogramma specifico per singolo colore (Rosso (R), Verde (G), Blu (B)).
  3. Istogramma di luminosita´.

L´istogramma che viene visualizzato nella fotocamera e´un Istogramma RGB della randerizzazione jpeg  (indipendentemente dal tipo di file utilizzato per scattare) dell´immagine visualizzata.

Adobe Lightroom e Camera Raw permettono di visualizzare un Istogramma RGB e quello relativo ai singoli colori.

Adobe Photoshop, oltre ai precedenti, permette anche la visualizzazione          dell´istogramma di luminosita´(nel pannello Istogramma impostare Vista ingrandita).

istogram

Analizziamo l´Istogramma di luminosita´:

istogramma luminosita

e´indicato dall´area grigia sotto la curva e indica il numero di pixel che esistono per ogni valore tonale dell´immagine.
Tutti i pixel colorati di un´immagine hanno un valore corrispondente nella scala tonale dei grigi; questo valore tonale indica come i nostri occhi percepiscono la luminosita´ di un colore su una scala dal nero al bianco.

ATTENZIONE

Sebbene un istogramma RGB sembri una curva, non lo e´ affatto!!
Esso e´un insieme di 256 colonne verticali (bins) affiancate che generano un aspetto a forma di curva. Questo viene definito un istogramma a 8 bit.
I file RAW contengono molte piu´informazioni, ma queste possono essere visualizzate solo tramite software appositi come Lightroom e/o Camera Raw.

Metering

Le moderne mirrorless, ma anche le DSLR, hanno la possibilita´di visualizzare sul monitor Live view la scala dell´ esposizione (Relative Exposure Value [+/-EV]).
Questa e´una scala con diverse “tacche”; normalmente l´intervallo tra le tacche piu´grosse indicano uno stop di esposizione, mentre quello tra le tacche piu´piccole indica 1/3 di stop.

Quando si preme il pulsante di messa a fuoco, la camera misura la luce che colpisce il sensore (Scene light Value) e imposta i parametri di scatto in funzione della modalita´ di scatto che abbiamo impostato (Settings Light Value).

La Relative Exposure Value (+/- EV) e´la differenza tra i Settings Light Value e i Scene Light Value; questo e´lo strumento piu´importante per agire e modificare il Triangolo di esposizione.
Valori positivi di EV (+EV) indicheranno un´immagine piu´chiara rispetto alla corretta esposizione: si dice che l´immagine e´sovraesposta.
Valori negativi di EV (-EV) indicheranno un´immagine piu´scura rispetto alla corretta esposizione: si dice che l´immagine e´sottoesposta.

Modalita´automatica, Manuale e Priorita´di Apertura (A) 

triangle

Se operiamo in modalita´completamente automatica, la camera, una volta effettuato il metering, impostera´i parametri di scatto utilizzando il proprio algoritmo in modo che il Reklative Exposure Value sia a zero. In questo caso non abbiamo modo di intervenire su alcun parametro e otterremo una foto correttamente esposta ma senza possibilita´di “personalizzazioni artistiche”.

Operando in modalita´completamente manuale, sara´nostro compito impostare i tre parametri (ISO, F-Stop e Apertura) in modo da unire gli interessi artistici e una corretta esposizione.
Attenzione pero´che se le condizioni di luce variano rapidamente
sara´nostro compito intervenire nuovamente sui 3 parametri per mantenere l´esposizione corretta.
Questa modalita´e´ particolarmente adatta per la fotografia notturna.

Per quanto riguarda la fotografia di paesaggio (soprattutto durante le fasi  dell´alba e del tramonto  dove le condizioni di luce variano rapidamente),
e´ottimale l´uso della modalita´ A (priorita´di Apertura); si andra´ad impostare il valore di Apertura e ISO desiderati e la camera calcolera´in automatico il tempo di esposizione.
Inoltre  sara´possibile agire sul selettore della compensazione di esposizione per sovra/sotto esporre l´immagine a nostro piacimento senza andare a modificare i parametri di scatto (un esempio e´la tecnica ETTR).

Una volta realizzato lo scatto, si dovra´ controllare l´istogramma
dell´immagine per verificare che non ci siano porzioni dell´istogramma esterni ai limiti di destra (alte luci bruciate) e di sinistra (quindi nero assoluto privo di informazioni). Idealmente l´istogramma deve lambire le due estremita´ .

Torna al manu´principale

Pin It on Pinterest

Share This